L'immagine mostra il logo di Telegram e una mano che legge il Braille

Il 21 marzo 2019 ha portato con sé una grande novità: un aggiornamento Telegram che ha reso possibile il suo utilizzo mediante l’assistente vocale Talkback di Google per Android. Il traguardo è davvero notevole poiché, grazie a questa miglioria, Telegram è divenuto completamente accessibile agli utenti non vedenti!
Molti lettori probabilmente si staranno chiedendo: “Cos’è Telegram?”
Telegram è l’applicazione di messaggistica istantanea “antagonista” per eccellenza di WhatsApp. Negli ultimi anni ha conquistato moltissimi utenti, divenendo così una temibile rivale per WhatsApp ma, al contempo, una valida “alleata” per gli utenti che, con essa, hanno a loro disposizione un’applicazione davvero completa, efficiente ed innovativa! Sono diverse le peculiarità di Telegram e la grande produttività è sicuramente tra queste. Per confermarlo, basti pensare all’utilizzo di bot, di canali, alla memorizzazione dei messaggi in cloud (evitando di saturare la memoria del dispositivo), alla possibilità di scambiare file fino ad un 1.5 Gb ed inviare foto senza comprometterne la qualità. Dunque, le numerose funzionalità rendono Telegram una valida suite per uso personale e/o per ufficio e le sue potenzialità le hanno portato un numero sempre più elevato di utenti dei quali adesso, grazie alla ventata di novità, potranno far parte anche i non vedenti che utilizzano Talkback.
Probabilmente, a questo punto, molti di voi saranno curiosi di verificare personalmente le potenzialità di Telegram finora esposte. Per questa ragione, ecco a voi un’analisi sull’accessibilità ed una semplice guida per poter utilizzare l’applicazione con l’ausilio di Talkback.
Dopo aver scaricato ed installato l’applicazione dal Play Store, potrete avviare Telegram premendo sull’icona del programma che troverete nel menù delle applicazioni o sulla schermata home. Al primo avvio, per effettuare la configurazione, sarà necessario inserire il proprio numero di cellulare nell’apposito form. Riceverete un codice d’accesso via sms e, una volta inserito nell’apposita stringa, il numero sarà associato all’applicazione.
Orientando il telefono con la porta di caricamento rivolta verso di voi, troverete in alto i pulsanti cosi vocalizzati: “Apri menu di navigazione” (a sinistra) e “Cerca” (a destra).
In “Apri menu di navigazione” sono presenti le voci che permettono di creare un nuovo gruppo, una chat segreta o un canale, di visualizzare i contatti, i messaggi salvati, di accedere alla lista chiamate effettuate con Telegram ed alle impostazioni del programma. Invece, il pulsante “cerca” apre una schermata che permette di inserire, in un form apposito, localizzato in alto della schermata, una parola chiave o un contatto per effettuare una ricerca globale o tra le proprie chat. I risultati saranno visibili in un elenco in basso.
Purtroppo, in questa sezione, gli sviluppatori hanno avuto una piccola svista dal punto di vista dell’accessibilità del programma: alla destra del form di inserimento vi è un pulsante dedicato alla cancellazione del testo ricercato che non è stato etichettato correttamente e viene dunque vocalizzato da Talkback “senza etichetta”.
Tornando nella pagina principale dell’applicazione, troverete i messaggi finora ricevuti in ordine di ricezione. Navigando nell’elenco delle chat, Talkback vocalizzerà il nome del mittente, l’ultimo messaggio e l’orario di ricezione. Eseguendo un doppio tocco si accederà alla schermata della chat completa.
Invece, tenendo premuto su una chat, si aprirà in basso un’ulteriore tendina che presenta varie funzionalità e comandi relativi alla chat selezionata: “fissa in alto”, “segna come letto”, “cancella cronologia” ed “elimina”. In particolare, è da elogiare la funzionalità “fissa in alto” che risulta molto utile per avere sempre a portata di mano le nostre chat preferite!

La schermata della chat
Nella parte alta della schermata delle chat troverete un blocco di funzioni: a sinistra il pulsante “indietro”; nella sezione centrale il nome del contatto con il quale è avviata la chat ed il suo stato (“in linea” se è connesso o, nel caso in cui non lo sia, il suo ultimo accesso); a destra il pulsante “altre opzioni” che permette di effettuare diverse operazioni: avviare una chiamata con il contatto, cercare una parola chiave nella chat, cancellare la cronologia, silenziare le notifiche ed eliminare la chat.
Nella parte bassa della schermata della chat troverete un altro blocco di funzioni:

– A sinistra, il pulsante “emoji stickers e gif” che permette di accedere alla scelta dei simboli pittografici o delle animazioni gif.

– Al centro, la casella di modifica dove è possibile inserire il messaggio che si desidera inviare.

– A destra, il pulsante “Allega media” e accanto, all’estrema destra, il pulsante “registra un messaggio vocale”. Premendo quest’ultimo, sarà possibile mutare la funzione “registra messaggio vocale” nella funzione “registra un videomessaggio” che permette di registrare dei messaggi video dalla durata massima di un minuto da poter inviare ai propri amici su Telegram.

Quando nella casella di testo sarà inserito dall’utente il messaggio da inviare, i pulsanti “allega media” e “registra messaggio vocale” (o, in alternativa, “registra videomessaggio”) saranno sostituiti da un altro pulsante denominato “invia”, che per l’appunto, permette di inviare il testo del messaggio.
Le funzioni sopra elencate sono ben vocalizzate da Talkback che le descrive chiaramente durante l’esplorazione con il dito. Tuttavia, dal punto di vista dell’accessibilità, è presente, anche in questa occasione, la mancanza precedentemente segnalata: quando, all’interno della funzione “emoji stickers e gif”, si ricerca una di queste mediante parola chiave, il pulsante per cancellare la ricerca è denominato “senza etichetta”.

Avviare una nuova chat
Per avviare una nuova chat bisognerà selezionare, nella schermata principale, in basso a destra, il pulsante “nuovo messaggio”. Dopo avervi cliccato si aprirà una finestra nella quale, in alto, saranno presenti i pulsanti “torna indietro”, “cerca” e “cambia ordine”.
Sotto questa stringa di comandi, troverete altri pulsanti che vi permetteranno di creare un nuovo gruppo, una nuova chat segreta o nuovo canale. Nella stessa schermata, in basso, troverete la lista dei contatti, presenti nella vostra rubrica, che utilizzano Telegram. Inoltre, è possibile aggiungere un contatto non presente nella lista: basterà cliccare, nella stessa schermata, sul pulsante in basso a destra “crea nuovo contatto”; selezionato il contatto, si aprirà la schermata contenente gli elementi descritti nella sezione precedente e si potrà iniziare a chattare.

Conclusioni
Dal punto di vista dell’accessibilità la versione presa in esame per questa recensione (Telegram per Android v5.5.0) risulta essere molto completa e di facile utilizzo. Certamente, sono da rivedere le segnalate défaillance per quanto riguarda la cancellazione dei testi nelle funzioni di ricerca. Ad ogni modo, queste mancanze non compromettono l’uso quotidiano dell’applicazione mediante Talkback e dunque consigliamo a tutti i nostri lettori di scaricare e testare personalmente Telegram.
Come detto nell’incipit, quest’applicazione ha il grande pregio di essere in continuo aggiornamento ed è proprio per tale motivo che siamo fiduciosi riguardo ai futuri miglioramenti ed alle nuove funzionalità che saranno sicuramente sviluppate. Siamo certi che Telegram riuscirà presto a tagliare il traguardo quale migliore applicazione di messaggistica istantanea e magari, un giorno, soffierà definitivamente il primato al famosissimo WhatsApp!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.