L'immagine mostra un riadattamento della locandina relativa agli eventi estivi organizzati dalla ONLUS vEyes

Una quattro giorni da vedere e ascoltare, da toccare con mano nei suoi molteplici aspetti, ma anche della quale respirare lo spirito e assaporare ogni istante; ma soprattutto, una quattro giorni da vivere intensamente, col cuore, lasciandosi cullare dalla meraviglia che già anticipa, nel nome che le si è dato: “rEstate… ad occhi aperti”. Già, ad occhi aperti, per non perdere nulla di un’iniziativa promossa dalla onlus vEyes e che nel pieno dell’estate – per la precisione, dal 14 al 17 luglio – nello splendido territorio del comune di Milo, alle pendici dell’Etna, metterà al centro il tema della disabilità visiva. E a partire proprio da un appuntamento dedicato a chi ha problemi di vista.
Il 14 luglio, infatti, grazie all’Inaf – Osservatorio Astrofisico di Catania, le persone con distrofie retiniche dotate di un minimo visus residuo, potranno osservare Giove e Saturno nell’ambito dell’evento “Eppur… si vede”: ci si incontrerà (e basterà prenotare contattando la onlus Eyes) alle 20.15 nell’Osservatorio in località Serra la Nave, sull’Etna a 1.735 metri di quota. L’indomani, poi, giorno 15, nei locali di vEyes Land, in via Mongibello 32 a Fornazzo (una frazione di Milo), alle 21.30 e con ingresso libero, sarà proiettato in anteprima nazionale il documentario sulla spedizione che ha portato due disabili visivi sulla cima dell’Etna, a piedi, partendo proprio  dal centro no profit vEyes Land.
Il 16 luglio segnerà invece il debutto assoluto della vEyes Orchestra, costituita da 50 orchestrali, di cui 13 con disabilità visiva: nello splendido Anfiteatro “Lucio Dalla” di Milo, a partire dalle 21.30 l’Orchestra – diretta dal maestro Luigi Mariani – suonerà musiche di Bach, Schubert, Mendelssohn, Rossini e Beethoven insieme al primo violino del Teatro alla Scala di Milano, Francesco Manara (costo dei biglietti: poltrone 20 euro, distinti 15 euro).
Martedì 17 luglio l’atto conclusivo della quattro giorni: sempre nell’Anfiteatro “Lucio Dalla” di Milo e sempre a partire dalle 21.30, un concerto – l’unica tappa in Sicilia – del compositore, pianista e cantante Stefano Bollani, che torna al suo grande amore per le sonorità brasiliane con lo spettacolo “QUE BOM”, in tour dall’estate 2018 (costo dei biglietti: poltronissime 40 euro, poltrone 35 euro, distinti 30 euro).
Ma la vera meraviglia di “rEstate… ad occhi aperti” – già, la meraviglia da cui lasciarsi cullare come abbiamo accennato in apertura di questo articolo – è che l’intero ricavato della rassegna servirà a finanziare la nascita, all’interno di vEyes Land, di una scuola di musica no profit per bimbi non vedenti e di un campus musicale per musicisti con disabilità visiva. Fate voi.

Fai clic qui per visualizzare una versione ingrandita della locandina

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.